I piloti

Volare insieme, invece, e' tutto questo ed altro ancora. E' un volo che assorbe completamente, che non lascia spazio ad altri pensieri, che riempie d'orgoglio e felicita' quando si e' soddisfatti delle proprie manovre ma che, l'istante dopo, fa capire che tutto e' perfettibile e che non ci si deve accontentare.

Volando insieme ciascuno dimostra le proprie capacita' e la propria essenza accettando di condividerla con tutti i colleghi. Si crea cosi un'atmosfera ed un legame che solo chi ha avuto la fortuna di fare questo lavoro ha la possibilita' di comprendere appieno.

Le Frecce Tricolori hanno tre programmi di esecuzione delle acrobazie: alto, basso, e piatto, a seconda delle condizioni meteorologiche e alle caratteristiche dell'area dell'esibizione. Il programma alto viene scelto quando la base delle nuvole si trova sopra i 1.000 m ed è caratterizzato dall'esecuzione delle figure acrobatiche interamente sul piano verticale; il programma basso viene preferito invece quando le nubi non superano i 500 – 600 m e non si compiono manovre verticali (come looping o la bomba); infine, la variante piatto prevede passaggi della formazione a bassa quota.

Da alcuni anni, quando possibile, le esibizioni della PAN si chiudono con la formazione al completo che disegna nel cielo un tricolore lungo cinque km mentre dagli altoparlanti a terra la voce di Luciano Pavarotti intona il finale di Nessun dorma per l'intera durata del passaggio. La prima realizzazione di questa manovra avvenne a Pratica di Mare (Roma) durante la cerimonia di addio all'F-104 Starfighter e questo valse alle Frecce Tricolori il record mondiale per la bandiera nazionale più lunga mai realizzata. Anche per questo motivo, l'8 settembre 2007, sfrecciando nel cielo di Modena, le Frecce Tricolori resero omaggio a Pavarotti del quale si era appena svolto il funerale.

Ogni anno alla PAN vengono assegnati uno o due nuovi Ufficiali scelti fra i migliori piloti dei Reparti da Caccia dell'Aeronautica Militare. A chiusura dell'intenso calendario delle manifestazioni, i neoassegnati, unitamente ai piloti titolari, iniziano l'addestramento acrobatico sotto la supervisione dei piloti piu' anziani. Il loro iter comincia a ottobre con l'apprendimento delle tecniche della formazione basica composta da due velivoli e prosegue con un addestramento che prevede un graduale aumento del numero degli aerei impegnati nelle acrobazie che li portera' ad essere pronti per volare nella formazione completa, a fine aprile. Un lavoro intenso e programmato nei minimi dettagli che vede, per il primo di maggio, le Frecce Tricolori pronte a presentare il loro esclusivo programma acrobatico.

La formazione per la stagione acrobatica 2014 della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) Frecce Tricolori è la seguente:



Piloti Pan 2014


Pony 0     Magg. Jan Slangen

Pony 1     Magg. Mirco Caffelli

Pony 2     Cap. Pierangelo Semproniel

Pony 3     Cap. Stefano Vit

Pony 4     Cap. Gaetano Farina

Pony 5     Cap. Vigilio Gheser

Pony 6     Cap. Mattia Bortoluzzi

Pony 7     Cap. Massimiliano Salvatore

Pony 8     Ten. Giulio Zanlungo

Pony 9     Cap. Filippo Barbero

Pony 10     Cap. Fabio Capodanno

Pony 11     Cap. Marco Zoppitelli (supervisore addestramento acrobatico)

Pony 12     Magg. Stefano Centioni (supervisore addestramento acrobatico)










Testi e fotografie        brochure Freccie Tricolori